Studio Legale LdV Viareggio | Senza categoria
1
archive,category,category-senza-categoria,category-1,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-13.8,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

La recente  sentenza n.451 emessa dal Tribunale di Ravenna lo scorso 6 maggio 2019 chiarisce il contenuto della comunicazione di disdetta che il locatore di un immobile ad uso non abitativo intenda inviare al conduttore al fine di evitare la rinnovazione del contratto di locazione. MASSIMA Il locatore di un...

L’attuale orientamento giurisprudenziale, inaugurato con la celeberrima sent. Cass. SS.UU. n. 18287 dell’11 luglio 2018, e confermato da numerosissime pronunce anche di merito ed i cui principi cardine confluiranno a breve nella nuova formulazione dell’art. 5 l. 898/70, ha finalmente composto il precedente contrasto giurisprudenziale in...

TRIBUNALE DI MILANO, sentenza del 23/3/2013 Nel caso in esame, per quel che in questa sede interessa, Tizia, affidataria in via esclusiva del figlio minore, proponeva giudizio di divorzio contenzioso nei confronti dell'ex  coniuge. Quest'ultimo, resistente in giudizio, inter alia, insisteva per poter presentare al figlio minore la nuova...

CORTE DI CASSAZIONE, ordinanza 10 ottobre 2018 n. 24965 Il caso sottoposto all'esame del Supremo Consesso può così riassumersi: Tizio, prima di contrarre matrimonio con Caia, acquistava con denaro proprio un immobile intestandolo alla futura moglie. Quest'ultima, durante il rapporto di coniugio, intratteneva una relazione extra coniugale,...

CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. civ. sentenza n. 25134 dep. 10 ottobre 2018   L'incremento dell'assegno di mantenimento per il figlio, in affidamento condiviso con collocazione presso la madre, non puo' essere giustificato unicamente dal riferimento 'alle oltremodo consistenti risorse reddituali e patrimoniali' del padre. La Corte di Cassazione...

CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. VI - 3 - ORDINANZA 25 luglio 2018, n.19708 Anche dopo la riforma del settore disposta con il decreto legislativo n. 252 del 2005, le quote accantonate del trattamento di fine rapporto, tanto che siano trattenute presso l’azienda, quanto che siano versate...

Il diritto all’assegno di mantenimento può essere negato o eliminato se il coniuge debitore (convenuto nel giudizio per l’attribuzione dell’assegno o attore in quello per l’eliminazione o la revisione dello stesso) dimostri che l’altro coniuge ha instaurato una convivenza more uxorio con altra persona che...